LEGGE BAVAGLIO,CHE FINE HANNO FATTO GLI INDIGNATI DI ALLORA? — ATTENZIONE —

E’ stato approvato ieri il disegno di legge di riforma del processo penale, che contiene rilevanti norme sulle intercettazioni.

Correva l’anno 2010 quando giornalisti, intellettuali ed artisti vari si schierarono contro la c.d.”Legge Bavaglio”. Questi personaggi manifestavano il loro dissenso attraverso dei video pubblicati sul web, in cui denunciavano che “il governo avrebbe deciso ciò che ognuno di noi avrebbe appreso dai media e dai giornalisti”. Tra i nomi ricordiamo Gad Lerner, Fiorello, Claudio Amendola, Marina Rei, e Leo Gullotta (ce ne sono tanti altri).

Adesso che la Legge Bavaglio è passata grazie al PD dove sono tutti questi Radical Chic? Dove sono i video di indignazione nei confronti dell’attuale governo? Che differenza c’è tra la nuova legge e quella di allora? La verità è che l’accanimento di sei anni fa nei confronti di Berlusconi era oltremodo forte ed il tornado mediatico ha permesso anche a questi “illustri” personaggi di esprimere il loro rigurgito. Adesso che il PD di Renzi ha giocato le stesse carte dell’allora Presidente del Consiglio tutti tacciono.

Dunque è proprio vero: l’ipocrisia di queste “macchine di denaro” è tanto grande quanto sfacciata.